18 agosto – Le reliquie di Sant’Antonio da Padova a Sanremo

Da Padova a Sanremo, dalla basilica di Sant’Antonio alla Santuario della Madonna della Costa per uno straordinario evento di fede atteso da tante persone devote al Santo.

Il 18 agosto le reliquie di Sant’Antonio da Padova saranno esposte in Santuario per la devozione dei fedeli e successivamente saranno traslate con solenne processione nella Chiesa dell’Istituto Don Orione, dove saranno esposte alla venerazione dei fedeli anche il giorno successivo Sant’Antonio da Padova è riconosciuto come uno dei più alti predicatori che la storia cristiana ricordi nonché come grande taumaturgo, è invocato da numerose schiere di devoti in tutto in mondo, al punto tale che quasi non è possibile contare le chiese e gli altari a lui dedicati in varie parti del mondo.
Pertanto è con profonda commozione che viviamo questo momento. Si sta scrivendo un’importante pagina di storia religiosa non solo della nostra Città di Sanremo ma, oserei dire, anche dell’intera diocesi. Sanremo accoglie il santo di Padova non come un personaggio del passato, ma Sant’Antonio è fondamentalmente un padre, un fratello, uno di famiglia. Nella vita dei fedeli, la sua presenza, per quanto misteriosa, è stata e rimane qualcosa di concreto e tangibile.

Quanti di noi si sentono onorati di portare il suo nome? Quanti di noi potrebbero raccontare di essersi rivolti a lui in circostanze dolorose e di aver ricevuto conforto? E la venuta delle sue insigni reliquie non fa altro che rafforzare questa unione spirituale tra noi e lui.


Cerchiamo di descrivere meglio le sacre reliquie portate da Padova. Si tratta di due reliquie “ex massa corporis” estratte dalla tomba del santo, custodita nella basilica di Padova, durante la ricognizione del 1981.
Sono esposte in due preziosi reliquiari: uno, più piccolo e maneggevole, usato di solito per le benedizioni;
l’altro è invece uno splendido busto dorato, alto circa 75 cm e del peso di 17 kg. Entrambi i reliquiari sono protagonisti della “peregrinatio” antoniana. Vengono cioè condotti dai frati della basilica del santo nei luoghi dove, con l’assenso del vescovo locale, viene fatta richiesta del loro sacro passaggio. L’evento della “peregrinatio” dunque è davvero una missione evangelizzatrice perché accompagnato da messe solenni, adorazioni eucaristiche, liturgie penitenziali, veglie e incontri di preghiera per giovani, adulti o ammalati.
Nello specifico, a Sanremo le reliquie sosteranno nel nostro Santuario il 18 agosto e nella Chiesa dell’Istituto Don Orione il giorno successivo.
Quale messaggio vuole offrire questo evento così sentito? Il culto delle reliquie è davvero antichissimo, risale ai primi tempi del Cristianesimo. Esso ricorda come la redenzione operata da Cristo non riguardi solo
l’aspetto spirituale dell’uomo ma anche la sua dimensione materica, il corpo. Le reliquie quindi testimoniano una chiara presenza di eternità e rimandano a quella resurrezione dei corpi che, professata nel Credo, avverrà nell’ultimo giorno. Quando un santo, dopo aver proclamato Cristo per la sua intera vita, conclude la sua esistenza terrena ecco che il nome del Salvatore non resta racchiuso nel suo estremo respiro ma scorre nel suo sangue, si incide nella sua carne, resta impresso nelle sue ossa che continueranno a testimoniarlo per sempre. Senza dubbio così è per Sant’Antonio: queste reliquie proclamano la crocifissione e la resurrezione del Nazareno per la salvezza del genere umano.

PROGRAMMA


Domenica 18 agosto

16.45: Arrivo del Reliquiario portato dai Frati di Padova
17.00: Veglia di Preghiera
18.00: Santa Messa
19.00: Processione con il reliquiario del Santo
verso la Chiesa dell’Istituto Don Orione

Lunedì 19 agosto

9.30: Santa Messa
A seguire: Visita ai malati

Precedente

U buletin – numero 23

Successivo

Mons. Suetta per la Madonna della Neve

Prossimi appuntamenti
diocesani in programma


Agenda appuntamenti diocesani

Richiedi “U Buletin”

RSS Notizie dalla CEI

Diocesi Help Desk