26 maggio – Taggia: Per l’organo restaurato

Taggia. Il consiglio e tutti i confratelli della Confraternita del Gonfalone dell’Oratorio dei Santi Sebastiano e Fabiano, “Bianchi” di Taggia, sono lieti di annunciare la fine di lavori di restauro dell’organo dei fratelli Lingiardi opera 102 del 1853.

«L’organo è stato progettato e realizzato appositamente per il nostro oratorio, di conseguenza anche grazie alle particolarità tecniche addottate a suo tempo dal maestro Lingiardi, può considerarsi un’opera unica con le sue 953 canne di cui 43 in legno, 824 metalliche labiali, 86 ad ancia. 

La canna più lunga è il Fa del registro Contrabassi ed è lunga 3,30 metri. La più piccola canna del registro Ottavino ha un corpo sonoro di soli 14 mm. Per un totale di 26 registri».

«Vi invitiamo a partecipare all’inaugurazione che si terrà domenica 26 maggio». Il programma è il seguente:

  • Alle 9,30 Santa Messa con cerimonia di benedizione dell’organo;
  • alle 16,30 concerto di inaugurazione tenuto dal Maestro di Taggia di fama internazionale Giorgio Revelli e presentazione del restauro da parte Maestro Daniele Giani titolare della ditta Giani Case D’organi che ha effettuato il restauro, l’esibizione del Maestro Revelli e la presentazione del restauro verranno proiettate su un maxi schermo sistemato all’interno dell’Oratorio.
  • La giornata di concluderà con un rinfresco.

Precedente

25 maggio Pellegrinaggio a Laghet

Successivo

U Buletin – numero 12

Prossimi appuntamenti
diocesani in programma


Agenda appuntamenti diocesani

RSS notizie dalla SANTA SEDE

RSS Notizie dalla CEI

  • La speranza dei poveri non sarà delusa 13 Giugno 2019
    Presentato il Messaggio del Papa per la III Giornata Mondiale dei Poveri, che sarà celebrata il 17 novembre 2019. “La speranza dei poveri non sarà mai delusa” è il tema di quest’anno. Il video-commento del Direttore di Caritas Italiana.
  • Strutture sanitarie cattoliche: identità e ruolo 11 Giugno 2019
    Martedì 11 giugno una giornata di studio alla Lateranense. Gli interventi di Mons. Russo e del Card. Bassetti.