Protocollo “Etiopia”

Giovedì scorso sono arrivate in Italia le prime 25 persone dall’Etiopia, nell’ambito del Protocollo di intesa con lo Stato italiano, siglato dalla Conferenza Episcopale Italiana – che agisce attraverso Caritas Italiana e Fondazione Migrantes – e dalla Comunità di Sant’Egidio.

Il Protocollo, finanziato con fondi CEI 8xmille, prevede il trasferimento dall’Etiopia di 500 profughi in due anni.

Questi primi nuclei familiari, oltre che da parenti già presenti in Italia, vengono ospitati dalla Caritas diocesana di Ventimiglia, dalla Caritas diocesana di Ragusa e dalla Comunità di Sant’Egidio di Roma, grazie all’intervento di parrocchie, famiglie e istituti religiosi e all’utilizzo di appartamenti privati, con il supporto di famiglie tutor italiane.
Una famiglia eritrea è stata accolta dalla nostra diocesi dopo aver vissuto per 9 anni nei campi profughi in condizioni molto precarie e disagevoli, sopratutto per i bambini. Ora si apre una nuova pagina della loro vita che prevede il sostegno all’inserimento nella nostra comunità.

Maurizio Marmo

Precedente

Scuola e nuove tecnologie

Successivo

In preghiera con Geremia