Chiamati… per chiamare!

Nel nuovo anno pastorale 2018 – 2019 migliora l’organizzazione delle giornate del seminario della diocesi, che saranno inserite in un progetto più ampio di pastorale vocazionale, collaborando insieme al Centro diocesano vocazioni e al Monastero invisibile.

Le giornate del seminario sono diventate una tradizione. Durante le varie domeniche dell’anno, noi seminaristi visitiamo «a due a due» le varie parrocchie, per conoscere e farci conoscere dai fedeli e dai sacerdoti, passando un fine settimana insieme in parrocchia, offrendo ognuno la propria testimonianza sucome ci si sente chiamati dal Signore, pregando insieme per le vocazioni religiose e chiedendo un aiuto economico per il sotentamento del seminario. I parroci e la comunità a fine giornata, donano, infatti, la questua al seminario.
Quest’anno il vescovo, Monsignor Suetta, e il rettore del seminario, don Ferruccio Bortolotto, hanno pensato di accentuare ancora di più la connotazione vocazionale di questa attività pastorale: anzichè visitare le singole parrocchie in modo indipendente le une dalle altre, le giornate saranno svolte visitando in toto il vicariato a cui appartengono, in periodi prefissati, e confluiranno in un’ultima settimana detta «settimana vocazionale»; in questa giorni i seminaristi saranno presenti in una parrocchia del vicariato, partecipando alle attività già presenti nella stessa e svolgendo incontri di preghiera per le vocazioni.

In armonia con il seminario nell’organizzazione di questa attività vi è il Centro diocesano vocazioni, di cui don Nicolas Tshituala Tungunka è il direttore. Questo organismo si occupa di animazione e discernimento vocazionale e di cura dei giovani che hanno manifestato interesse per la vita religiosa sacerdotale, organizzando incontri mensili per ragazzi delle scuole superiori e giovani adulti, oltre ad incontri di formazione per i ministranti.

Il Monastero invisibile, invece, è la forma rinnovata di «Preghiera continua», da sempre presente in diocesi. Dopo aver effettuato l’iscrizione iniziale gratuita, aperta a tutti, i «monaci invisibili» prendono l’impegno di pregare ogni giorno per le vocazioni, recitando per tale intenzione la famosa preghiera «Anima Christi». Ogni mese, inoltre, riceveranno per posta elettronica una proposta per la meditazione e preghiera personale ispirata alla lectio divina tenuta dal vescovo ogni mese. Quest’anno ci guiderà nella meditazione sul libro dell’Apocalisse. Per chi fosse interessato si possono chiedere ulteriori informazioni ai propri parroci, o rivolgendosi al seminario diocesano o ancora scrivendo all’indirizzo mail: monaciinvisibili@gmail.com.

Il primo vicariato visitato è quello di Ventimiglia: si inizia proprio questa domenica, per giungere alla settimana vocazionale che sarà svolta dal 12 al 18 novembre presso la parrocchia di Sant’Agostino, nel centro di Ventimiglia. Il momento culmine di questa settimana sarà nella giornata di venerdì 16 novembre, quando alcuni ragazzi del seminario insieme con il rettore saranno presenti alla Messa delle ore 18 con adorazione eucaristica a seguire, organizzata già da don Angelo di Lorenzo e i suoi vicari parrocchiali ogni terzo venerdì del mese per i giovani. Ottima occasione per incontrarsi, pregare insieme, conoscersi e… «seminare» per vocazioni future!

Nel periodo tra gennaio e febbraio si visiterà il vicariato di Bordighera, nel mese di marzo quello di Sanremo e tra maggio e giugno quello di Levante.
Invitiamo caldamente chi può essere presente in quelle occasioni a farlo e chi non può a unirsi spiritualmente con noi in preghiera, chiedendo al Padrone della messe che mandi operai per la sua messe (Lc 10, 2).

Precedente

Diario da Medjougorie

Successivo

Lo Spirito dei Volontari per i malati

Categorie notizie