Don Daniele ricorda don Giacomo

Riportiamo il ritratto grato e amico di don Giacomo Simonelli così come lo presenta don Daniele Bisato, padre spirituale del seminario diocesano: “Mi piace vedere riassunto don Giacomo in una espressione che i vescovi hanno usato in un loro recente documento sui preti: il presbitero “deve essere pronto a tenere l’orecchio nel cuore di Dio e la mano al polso della storia”.

Nei tanti incontri della mia lunga frequentazione con lui, mi rimane viva questa impressione: ogni volta che mi parlava, mai i suoi discorsi erano banali o vuoti di senso. Sapeva dirti parole cariche di sapienza e capaci di comunicare un’attenzione frutto davvero di un amore più grande.

Preziosi anche i suoi “trafiletti” sul giornale cattolico l’Avvenire ricchi di questo spirito o i servizi giornalistici nel comunicare la vita della comunità cristiana. Per dirla oggi con papa Francesco, è “annunciare il Vangelo” alle persone che incontri, ma anche essere pastore di una chiesa in uscita.

Don Giacomo è stato un prete vero, rispondente alle attese del suo tempo. Mi piace anche richiamare il suo impegno quando si trattò di fondare in diocesi il consultorio familiare di ispirazione cristiana.

Precedente

Incontro sull’Affettività

Successivo

Alla ricerca della spiritualità sacerdotale

Categorie notizie