Posso farti la Predica?

Posso farti la Predica?

Lectio Divina

Lectio Divina

PerCorso

PerCorso

Scuola di Politica

Scuola di Politica

Formazione

Formazione

CDV – Seminario

CDV – Seminario

10 Parole

10 Parole

Magenta – Ventimiglia, i giovani con il Vescovo

Gli oratori della città di Magenta sono stati ospiti della diocesi di Ventimiglia – San Remo nella giornata di mercoledì 4 settembre, all’inizio di una ormai tradizionale fiaccolata che da quattro anni viene organizzata per tutti gli animatori dei centri giovanili. Un centinaio i partecipanti solo tra i ragazzi a cui vanno aggiunti i volontari adulti che hanno guidato i pullmini, curato la logistica e organizzato i pasti per tutta la carovana. Una fiaccolata a staffetta in cui ogni ragazzo corre da protagonista per cento metri ad ogni tappa per sottolineare l’importanza del proprio lavoro all’interno di una comunità giovanile dove da soli non è possibile ottenere il risultato ma solo sapendo collaborare insieme.

Usando come punto di arrivo il santuario di San Secondo a Ventimiglia e la parrocchia di Sant’Agostino come luogo di incontro i ragazzi e i volontari sono stati accolti dal vescovo diocesano Antonio Suetta che ha tenuto loro una catechesi e accesso la fiaccola che ha dato di fatto via alla staffetta. A coordinare l’intera iniziativa il parroco don Emiliano Redaelli che ha illustrato l’idea di fondo della staffetta di quest’anno che voleva partire appunto da Ventimiglia per invitare a riflettere sul concetto di “confine”, a iniziare da quelli in onore alle cronache per la questione degli immigrati per arrivare a quelli esistenziali che ci costruiamo noi separandoci dagli altri. «Meglio una vita con… un… fine che una vita al confine» ha sintetizzato il sacerdote prima di passare la parola a monsignor Suetta.

E tra il vescovo e i ragazzi si è instaurato un clima di dialogo, curiosità e amicizia perchè «non capita tutti i giorni di avere un vescovo a disposizione con cui parlare delle nostre questioni di fede» hanno ringraziato i giovani al termine della foto di rito nel chiostro di Sant’Agostino. La testimonianza di Suetta si è articolata in due passaggi principali: da una parte l’informazione della realtà dei migranti che sovente viene distorta e manipolata per fini politici da media. In questo è importante conoscere come si mouve concretamente la diocesi di Ventimiglia – San Remo per rispondere alla primaria necessità di aiuto ma anche per aiutare tutti a valutare il fenomeno nel suo insieme alla ricerca delle cause a volte costruite da poteri forti che generano il fenomeno migratorio obbligando alla partenza chi avrebbe diritto di vivere e godere dei frutti della sua terra. Il secondo passaggio della catechesi del vescovo ha invece riguardato la formazione spirituale dei giovani cristiani: ci troviamo davanti all’inizio della storia della salvezza alcune figure fondamentali per comprenderla tutta; la storia di Caino e Abele dove il forte primogenito uccide colui che è «soffio» anche nel nome al posto di prendersene cura. Invade il confine del fratello e dopo averlo ucciso è come se avesse ammazzato anche una parte di se – ha sottolineato Suetta – e dall’altra abbiamo la figura di Abramo, colui che è nomade di sua natura, ma a cui viene chiesto di uscire anzitutto da se stesso, piuttosto che da un luogo fisico, per potersi occupare di coloro che gli saranno affidati e così costruire il popolo di Dio, il luogo dove i confini personali di tutti si uniscono in quelli della comunità.»

Particolare interesse ha suscitato nei ragazzi la distinzione fatta dal vescovo: «Un conto è la frontiera, costruita dall’uomo e gestita secondo leggi che a volte possono risultare problematiche, un altro è il confine che diventa invece un’occasione di incontro, di confronto, di alleanza e di amicizia». Diverse le domande dei giovani a riguardo della vicenda degli immigrati che Suetta ha affrontato raccontando episodi concreti in cui la chiesa si è saputa muovere anche contro l’ostilità e la critica di chi voleva strumentalizzare le tristi storie di questi sfortunati viaggiatori: «I cui occhi però vedi pieni di speranza e gratitudine per quanto ogni giorno si fa per loro» ha concluso il vescovo.

La staffetta è poi partita con destinazione Triora, mentre domenica è previsto il ritorno a Magenta.

Precedente

U Buletin – numero 27

Successivo

Tre Suore per una Grande Missione di Carità

Prossimi appuntamenti
diocesani in programma

Annuario 2019

Annuario 2019

Pellegrinaggi 2020

Pellegrinaggi 2020

Duomo di Milano

Duomo di Milano

Richiedi “U Buletin”

RSS Notizie dalla CEI

  • Loreto, anno giubilare 3 Dicembre 2019
    Un Anno Giubilare Lauretano per il Centenario della Proclamazione della Madonna di Loreto Patrona degli Aeronauti.
  • Cittadinanza piena 3 Dicembre 2019
    Il Messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale delle persone con disabilità. Il dossier Caritas.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com