Nel segno di don Bosco

Celebrare don Bosco è celebrare la gioia, la festa, la vita.
Con questi atteggiamenti i ragazzi delle scuole di primo e secondo grado del nostro territorio, mercoledì 31 gennaio, hanno ricordato don Bosco, il padre e maestro della gioventù, fondatore dei Salesiani e delle figlie di Maria Ausiliatrice.
Erano presenti anche molti genitori, ex allievi e amici di don Bosco.

La santa Messa, celebrata dal nostro vescovo Antonio, ha avuto inizio con la rievocazione del sogno dei 9 anni di don Bosco: i ragazzi della scuola Andrea Doria hanno rappresentato Giovanni Bosco, quando, ancora bambino, volendo allontanare i suoi amici da una vita disordinata, vide nel sogno un «Signore di maestoso aspetto» e Maria, sua madre, che gli indicarono la missione di tutta la sua esistenza: «togliere da una vita di peccato tanti giovani poveri e abbandonati non con le percosse ma con la bontà».

Proprio la Madonna sarà una figura centrale della pedagogia di don Bosco che insegnerà ad invocarla con il titolo di «aiuto dei cristiani», in risposta alle parole di Gesù nel sogno: «io ti darò una maestra e lei ti insegnerà la strada».
«Da questo sogno – ha sottolineato il nostro vescovo – prende origine tutta l’opera di don Bosco, caratterizzata da un amore incondizionato verso i giovani trasmesso con gioia, che dona vita e aiuta a crescere dal di dentro fino a far diventare «buoni cristiani e onesti cittadini», come sosteneva il Santo dei giovani. Ma per crescere – ha continuato il Vescovo – bisogna porsi una domanda ben precisa e riflettere sulla possibile risposta: cosa vuole Dio da me? Quali potrebbero essere i Suoi progetti sulla mia vita? Lasciate aperte le porte dei vostri cuori e mettetevi in ascolto della chiamata del Signore, come Giovannino, che subito non ha capito quello che il Signore gli chiedeva, ma ha saputo ascoltare e lasciarsi guidare da Lui, per imparare la vita buona del Vangelo”.

Ricordando uno dei migliori ragazzi che hanno frequentato l’oratorio di don Bosco, condividendone poi la gloria dell’altare, san Domenico Savio, Suetta ha poi detto ai giovani: «Fate vostro ciò che aveva capito questo giovane santo che ha respirato davvero il clima voluto da don Bosco per i ragazzi: «Sappi che noi qui facciamo consistere la santità nello stare molto allegri». Non esiste santità autentica senza gioia autentica».
Il vescovo si è quindi rivolto agli educatori: «Fondamentale rimane il vostro ruolo a fianco delle famiglie nella meravigliosa avventura dell’educazione. Si tratta non solo di insegnare delle nozioni, ma anche di insegnare a muoversi nel mondo, fedeli alla felice intuizione di don Bosco. Egli voleva vedere uscire dalle sue scuola dei «buoni cristiani e degli onesti cittadini», capaci di muoversi nella società frenetica di oggi, ma attenti ai valori di sempre, per poter un giorno costruire una società fondata sulla giustizia e la carità, specie verso i soggetti più poveri e indifesi».

Unanime il commento dei religiosi presenti: « È stato un momento di famiglia, di festa, di gioia: guardando quella folla di ragazzi sembrava di sentire le parole di don Bosco: «Vi voglio felici nel tempo e nell’eternità!»».

di Laura Anastasia

Precedente

don Bosco anche alle Gallardi!

Successivo

Restauro Archivio Storico

Categorie notizie