Obiezione di coscienza alla costruzione di armi

Mercoledì a Sanremo si è ragionato sull’obiezione di coscienza di coloro che si rifiutano di lavorare nella produzione di armi benché, come avviene a Domusnovas, in Sardegna, questa occupazione appaia l’unica opportunità di esercitare il diritto al lavoro. È la Rwm l’azienda che produce le bombe che, dall’aeroporto civile di Cagliari, giungono in Arabia Saudita e vengono utilizzate in Yemen contro i ribelli appoggiati dall’Iran. In ballo il controllo del traffico commerciale, in particolare del petrolio, tra il Golfo di Aden e il Mar Rosso.

La conseguenza uno dei peggiori drammi umanitari del mondo: 22 milioni di persone che hanno bisogno di assistenza (su 28 milioni di abitanti), 33.000 morti negli ultimi due anni. Il prezioso contributo alla riflessione è venuto da Cinzia Guaita, del movimento dei Focolari e portavoce del Comitato riconversione Rwm Italia, e da Carlo Cefaloni, giornalista e redattore di Città Nuova, ospiti della Caritas diocesana al primo appuntamento del tempo di Avvento. La volontà di riconvertire, non solo lo stabilimento della Rwm, ma anche la nomea della Sardegna, oggi isola delle bombe, ha già unito oltre venti realtà associative e centinaia di singole coscienze.

Le possibilità e i fondi per cambiare si possono trovare, serve le volontà di ripensare l’economia locale e nazionale. Un dettagliato rapporto sul mercato mondiale della armi dimostra infatti che l’Italia, che costituzionalmente ripudia la guerra, è al nono posto della classifica dei dieci maggiori esportatori di ordigni bellici. Ne sono responsabili anche il Ministero della difesa e la Direzione nazionale degli armamenti, a volte anche per l’inosservanza della legge 185/90, che vieta la vendita di armi ai paesi in guerra e che negano i diritti umani.

L’esempio di dissenso non violento di Alessio Lanfaloni che, ad Assisi, alla presenza del Presidente Gentiloni ha esposto lo striscione «Basta ipocrisia, no armi ai sauditi» ed è stato allontanato dalla Digos, ha concluso l’incontro, ma ha forse conquistato qualche nuovo consenso.

Silvia Carlino

Precedente

L’Immacolata: alla Costa e San Siro

Successivo

L’Avvento dei bimbi e dei ragazzi

Prossimi appuntamenti
diocesani in programma


Agenda appuntamenti diocesani

RSS notizie dalla SANTA SEDE

  • Avviso dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche 14 Luglio 2019
    Cappella Papale per le Esequie dell’Em.mo Card. Paolo Sardi Lunedì 15 luglio 2019, alle ore 10.30, all’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana, avranno luogo le Esequie del Signor Cardinale Paolo Sardi, Diacono di Santa Maria Ausiliatrice in via Tuscolana. La Liturgia Esequiale sarà celebrata dal Sig. Cardinale Tarcisio Bertone, S.D.B., insieme con gli Em.mi Signori […]
  • Le parole del Papa alla recita dell’Angelus 14 Luglio 2019
    Prima dell’Angelus Dopo l’Angelus Alle ore 12 di oggi, XV Domenica del Tempo Ordinario, il Santo Padre Francesco si è affacciato alla finestra dello studio nel Palazzo Apostolico Vaticano per recitare l’Angelus con i fedeli e i pellegrini riuniti in Piazza San Pietro. Queste le parole del Papa nell’introdurre la preghiera mariana: Prima dell’Angelus Cari […]

RSS Notizie dalla CEI

  • Annuncio per tutti, nessuno escluso 15 Luglio 2019
    Dal 15 al 19 luglio ad Assisi un Corso di formazione organizzato dal Settore dell’Apostolato Biblico e dal Settore della Catechesi delle persone disabili dell’Ufficio Catechistico Nazionale.
  • Riconoscimento dei titoli accademici ecclesiastici in Italia 11 Luglio 2019
    Entra in vigore il prossimo 25 luglio e costituisce un risultato importante per tutte le Facoltà Teologiche e gli Istituti Superiori di Scienze Religiose e le altre istituzioni accademiche ecclesiastiche in Italia.