Salute

Volontari della Sofferenza

Ieri, nel salone della chiesa parrocchiale dei Santi Francesco Saverio e Paola Romana, nel quartiere Levà di Arma di Taggia, si è svolta la terza giornata diocesana di formazione per il centro volontari della sofferenza.
Nel corso dell’incontro, al quale hanno partecipato gli appartenenti ai vari gruppi di ammalati, si sono affrontati temi di forte attualità, sui quali si è chiamati a confrontarsi.
La legge sul fine vita in discussione al Parlamento italiano «è radicalmente individualista», adatta «a un individuo che si interpreta a prescindere dalle relazioni, padrone assoluto di una vita che non si è dato». Lo ha affermato il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, aprendo lo scorso marzo i lavori del consiglio permanente dei vescovi italiani.
«La morte non deve essere dilazionata tramite l’accanimento, ma neppure anticipata con l’eutanasia: il malato deve essere accompagnato con le cure, la costante vicinanza e l’amore».