Cultura

Convegno Teologico – il resoconto

Martedì 19 e mercoledì 20 giugno presso il seminario diocesano di Sanremo, si è tenuto un convegno teologico.
L’iniziativa, coordinata dal prefetto degli studi, don Tommaso Reali, è inserita in un progetto teso a rendere lo studio della teologia organizzato secondo tutti i carismi della scienza accademica: ecco perchè a questo primo convegno seguiranno giornate di studio e pubblicazioni da parte dei docenti.

Titolo del convegno: «La persona umana e gli angeli, antropologia e antropomorfismi tra carne e spirito».
L’argomento è stato presentato dando spazio a tutti i rami del sapere teologico e alle attenzioni pastorali utili al ministero sacerdotale.
Il vescovo diocesano Antonio Suetta ha introdotto il convegno ricordando l’impegno che la nostra Chiesa locale sta dedicando alla formazione teologica, non solo negli studi del seminario, ma anche attraverso la scuola teologica diocesana «San Secondo» che vede ogni anno in crescita il numero suoi allievi.

Don Reali ha illustrato il percorso del convegno, volto ad offrire un quadro completo e moderno del recente sapere teologico.
È stato quindi introdotto il relatore ospite, don Patrizio Rota Scalabrini, della diocesi di Bergamo, che ha presentato l’orizzonte biblico su cui si sono poi mosse tutte le altre relazioni: il concetto di carne e anima, due realtà e due mondi che nel contesto spirituale sono messi in comunicazione e arrivano a vivere un profondo contatto.

Lo stesso vescovo Suetta è intervenuto con la seconda relazione di carattere dogmatico dal titolo: «Credere agli angeli: il pensiero del Catechismo della Chiesa Cattolica».
Il terzo intervento è stato offerto dal rettore del seminario ed esorcista della diocesi, don Ferruccio Bortolotto, con la riflessione su «Gli angeli cattivi, il male tra prospettiva spirituale e guarigione», proseguita con l’intervento di don Giuseppe Puglisi, rettore del santuario della Madonna della Costa di Sanremo, intitolato «Liberaci dal male: la preghiera e la protezione degli angeli», che ha concluso la prima parte del convegno.
La mattina seguente i lavori sono ripresi con le meditazioni in prospettiva biblica presentate da don Antonio Garibaldi, per l’antico testamento, e don Reali, per il «corpus» Paolino.
Nella seconda parte della mattinata il professor Giovanni Binotti ha illustrato una sintesi del pensiero tomista, mentre la direttrice della scuola teologica, professoressa Anna Gioeni, ha avvicinato i partecipanti alle problematiche attuali nel rapporto tra corpo e spirito rappresentati da drammi etici come la clonazione.

Nel pomeriggio, don Diego Goso ha elencato alcune questioni etiche che nascono dal confronto con le moderne tecnologie, mentre il professor Angelo Lupi ha presentato un excursus letterario sul desiderio dell’uomo di credersi superiore alla sua carnale mortalità. I lavori si sono chiusi con la conferenza del professor Vittorio Lanteri Laura: «La questione catara: un angelismo che rifiuta l’umano».