Lectio Divina

Lectio Divina

PerCorso

PerCorso

Scuola di Politica

Scuola di Politica

Formazione

Formazione

CDV – Seminario

CDV – Seminario

10 Parole

10 Parole

Costruttori di integrazione

Mercoledì scorso, presso la Sala Melograno del Palafiori di Sanremo, si è svolto l’incontro “C’è un posto per me? Essere costruttori di integrazione” organizzato, dall’Associazione Mappamondo, da A.I.F.O Imperia, dalla Cooperativa Sociale Goccia e dalla Caritas Diocesana Ventimiglia-Sanremo per far conoscere le attività  dell’Associazione Refugees Welcome Imperia ed il progetto APRI per promuovere l’accoglienza in famiglia dei migranti. 

Il pubblico, nutrito e interessato, è stato accolto da Roberto Ticchiati, Presidente dell’Associazione Mappamondo, che ha spiegato gli obiettivi della serata: raccontare esperienze positive di accoglienza e proporre a nuove persone di coinvolgersi.

Un video che ha testimoniato come un’accoglienza ben pianificata, che coinvolga i giovani richiedenti asilo in numerose iniziative, possa giovare all’intera comunità; è il caso dell’arrivo dei 14 richiedenti asilo accolti a San Bartolomeo al Mare presso la Cooperativa Sociale Jobel che, in un primo momento aveva suscitato delle proteste, ma che poi è diventato un esempio di integrazione virtuosa.

Liliana Gladuli, Presidente della Cooperativa Sociale Goccia e coordinatrice territoriale di Refugees Welcome Imperia, ha poi descritto la necessità far fronte al disagio in cui si trovano i migranti che, allo scadere dell’accoglienza presso le strutture preposte, spesso non riescono ad accedere ad un alloggio in affitto a causa della diffidenza diffusa. L’esperienza dell’accoglienza in famiglia o del co-housing, anche solo per pochi mesi, si è rivelata una soluzione vincente: ha permesso non solo agli interessati di ritrovare in sicurezza l’autonomia, ma anche alla cerchia di conoscenze della famiglia “adottante” di vincere le paure e ampliare la sfera relazionale.

Il pubblico ha quindi ascoltato con grande interesse le testimonianze di imprenditrici che hanno assunto, non senza perplessità iniziali, giovani richiedenti asilo. Grazie a questi tirocini lavorativi presso le proprie aziende hanno infine aperto i cuori alla scoperta dell’altro come valido collaboratore e sincero amico.

Uno sguardo più ampio è stato offerto da Susanna Bernoldi, inarrestabile portavoce di A.I.F.O., che ha illustrato i numerosi progetti realizzati in in Liberia e Guinea Bissau ed in altri 22 paesi del mondo, portando sia aiuto in ambito socio sanitario, ma anche dissuadendo i giovani dall’abbandonare la propria terra con l’apertura di svariate microimprese e start up.

Maurizio Marmo, direttore della Caritas Diocesana, ha parlato del Progetto Rifugiato a Casa Mia e Daniela Musa ha testimoniato la sua esperienza di accompagnamento di un ragazzo senegalese, sintentizzandola con la parola “amicizia”. Maurizio Marmo ha infine presentato il nuovo progetto A.P.R.I. il cui acronimo è nato dalla forte presa di posizione di Papa Francesco sul tema: la risposta comune si deve ricercare nella coniugazione dei quattro verbi Accogliere, PRoteggere, PRomuovere e Integrare. L’iniziativa, avviata col contributo della CEI, propone a famiglie tutor di seguire migranti che hanno terminato il loro percorso nei Centri di Accoglienza Straordinari.

Silvia Carlino

Precedente

17 novembre: GIORNATA MONDIALE DEI POVERI – il messaggio del Vescovo

Successivo

Insegnanti di religione. Dal 16 l’aggiornamento.

Prossimi appuntamenti
diocesani in programma

Annuario 2019

Annuario 2019

Luceram e Nizza

Luceram e Nizza

Napoli

Napoli

Richiedi “U Buletin”

RSS Notizie dalla CEI

  • Nei gesti dei sacerdoti l’amore di Dio 20 Novembre 2019
    Domenica 24 novembre, solennità di Cristo Re, si celebra la 31ª Giornata nazionale delle Offerte per il sostentamento dei sacerdoti diocesani.
  • Migranti e religioni 18 Novembre 2019
    Convegno ecumenico di studi in programma a Roma dal 18 al 20 novembre. Il commento del Vescovo Spreafico.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com