Carità

Domenica di Carità

Nel messaggio per la Quaresima papa Francesco afferma che «l’esercizio dell’elemosina ci libera dall’avidità e ci aiuta a scoprire che l’altro è mio fratello: ciò che ho non è mai solo mio. Come vorrei che l’elemosina si tramutasse per tutti in un vero e proprio stile di vita. Come vorrei che, in quanto cristiani, seguissimo l’esempio degli Apostoli e vedessimo, nella possibilità di condividere con gli altri i nostri beni, una testimonianza concreta della comunione che viviamo nella Chiesa. A questo proposito faccio mia l’esortazione di San Paolo, quando invitava i Corinti alla colletta per la comunità di Gerusalemme: «Si tratta di cosa vantaggiosa per voi» (2 Cor 8,10). Questo vale in modo speciale nella Quaresima, durante la quale molti organismi raccolgono collette a favore di Chiese e popolazioni in difficoltà. Ma come vorrei che anche nei nostri rapporti quotidiani, davanti a ogni fratello che ci chiede un aiuto, noi pensassimo che lì c’è un appello della divina Provvidenza: ogni elemosina è un’occasione per prendere parte alla Provvidenza di Dio verso i suoi figli; e se Egli oggi si serve di me per aiutare un fratello, come domani non provvederà anche alle mie necessità, Lui che non si lascia vincere in generosità?».

Proprio oggi, domenica di carità, abbiamo l’occasione di rispondere a questo invito. È l’occasione per sostenere le attività della Caritas in quanto tutte le offerte raccolte durante le messe verranno destinate alle persone e famiglie in difficoltà, soprattutto per il pagamento di affitti, utenze, farmaci o per sostenere percorsi di attivazione ed inclusione sociale.
Si tratta di aiuti importanti, che permettono di evitare sfratti o indebitamenti insostenibili per le famiglie, che consentono di portare avanti percorsi di recupero delle persone con problemi di dipendenza, che favoriscono l’autonomia di persone con problemi di disagio mentale.

Queste attività vengono realizzate dai centri di ascolto diocesani di Ventimiglia e Sanremo e dalla rete delle parrocchie. Per le situazioni più problematiche vi è una stretta collaborazione con i servizi sociali dei Comuni e con l’ASL1 imperiese.
Alla base vi è innanzitutto l’ascolto delle singole persone, la riflessione sulle possibili risposte per poter dare un sostegno personalizzato attraverso aiuti materiali come viveri, vestiario o un contributo economico, ma soprattutto di accompagnamento umano. Nel 2017 ne hanno beneficiato circa 1.500 persone residenti in diocesi, persone con disagi psicologici o dipendenze e famiglie fragili, cui si somma la sempre maggiore difficoltà di trovare un lavoro stabile ed un alloggio con un canone di locazione accessibile.

Papa Francesco ci ricorda continuamente quanto siano importanti la preghiera e l’impegno concreto, il contributo economico, ma anche l’incontro con le persone povere. Chi volesse aiutare mettendo a disposizione un po’ del proprio tempo come volontario nei servizi Caritas, si propone di partecipare ad un corso di formazione che si terrà a Ventimiglia martedì 20 marzo, 10 e 17 aprile, dalle 15 alle 17, in via S. Secondo, 20 o a Sanremo giovedì 22 marzo, 5 e 12 aprile, nello stesso orario, a Casa papa Francesco in salita San Pietro, 14. I servizi nei quali si può essere inseriti sono: l’ascolto, lo sportello migranti, la distribuzione viveri e vestiario, le docce, le visite mediche, la mensa, il centro diurno, l’accoglienza notturna, l’accompagnamento di persone con dipendenze e disagio mentale, le visite domiciliari, l’accoglienza dei rifugiati, l’inserimento dati, la comunicazione, l’organizzazione di eventi. Gli incontri saranno tenuti dagli operatori della Caritas che approfondiranno le tematiche legate al colloquio di primo ascolto, al progetto educativo, alla vulnerabilità, alle persone senza dimore, alla situazione dei migranti e richiedenti asilo, alle motivazioni del servizio.

Un’altra importante forma di sostegno può essere offerta da commercianti, artigiani ed imprenditori disponibili ad attivare tirocinii ed inserimenti socio–lavorativi per persone in difficoltà.

Maurizio Marmo