Giovani

GMG Diocesana: per ascoltare i giovani

Martedì scorso, nei locali del seminario vescovile Pio XI di Bordighera, si è tenuto il consiglio presbiterale dove si è trattato in particolar modo il tema della pastorale giovanile e delle attività che la diocesi desidera realizzare per la sensibilizzazione al sinodo dei vescovi fissato per il mese di ottobre del 2018 in vaticano, intitolato «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale». Un’opportunità per conoscere meglio il pensiero dei ragazzi sulla Chiesa e in modo particolare il loro rapporto con la fede.

Nell’ambito delle iniziative rivolte alla preparazione del sinodo, riveste particolare importanza il questionario a cui ogni diocesi è chiamata a rispondere entro la fine dell’estate, per fornire una «fotografia» della realtà giovanile del proprio territorio.
A tal proposito il responsabile diocesano della pastorale giovanile, ha presentato al consiglio una riformulazione del questionario che è stata studiata e redatta dall’intera equipe di laici e consacrati, rappresentativa dei quattro vicariati della nostra chiesa locale.
Il questionario verrà distribuito in due diversi momenti: durante la giornata mondiale della gioventù (GMG) diocesana del prossimo 8 aprile e in occasione dell’assemblea diocesana che si terrà a Vallecrosia il 13 maggio.

La Gmg diocesana, il cui titolo – promosso da papa Francesco – è «Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente», si svolgerà presso la parrocchia Nostra Signora della Mercede di San Martino, a Sanremo, dove inizierà con la celebrazione della Santa Messa delle ore 18.
All’interno della giornata rientrerà anche l’evento «Un caffè per Teramo», un invito lanciato per sensibilizzare i giovani del territorio verso i loro coetanei di Teramo che, a causa del recente terremoto, non possono al momento frequentare gli oratori, le chiese e le opere parrocchiali. Un piccolo contributo che vuole rappresentare, al di là del sostegno economico, una stretta di mano, una manifestazione di affetto, calore ed amicizia verso quelle persone profondamente segnate dalla catastrofe del sisma.

All’interno dello spazio GMG ci saranno tre punti dove poter bere un caffè, un thè o una bibita e lasciare un’offerta libera che sarà appunto destinata alla diocesi di Teramo. La scelta del «caffè» è stata fatta perché da sempre esso è sinonimo di incontro. Il caffè rappresenta una pausa all’interno della quale si ascolta e ci si arricchisce dell’altro, dove si creano relazioni che si fortificano nel tempo.
Diversi poi i momenti che si potranno vivere nell’arco dell’intera giornata.

Ci si potrà raccogliere nell’angolo del silenzio per un tempo di preghiera davanti a Gesù eucaristia, i giovani potranno accostarsi al Sacramento della riconciliazione, si potrà assistere ad alcune animazioni teatrali e canore preparate e realizzate da alcuni ragazzi.
Nell’angolo delle domande i giovani potranno incontrare laici e consacrati disponibili a rispondere alle loro eventuali domande e a raccontare la loro personale esperienza di fede.
Non mancherà l’angolo della festa, dove tra giochi e canti si potrà trascorrere un po’ di tempo di gioia e allegria.