Carità

Costruire ponti per i Popoli

Si è svolta sabato 25 giugno a Sanremo, in piazza San Siro, l’11ª edizione della festa dei popoli. Grazie al sostegno del Comune di Sanremo, le associazioni servizi Caritas diocesana, Casa Africa, il centro ascolto Caritas Sanremo, Mappa-mondo e il centro Virgen de Guadalupe hanno organizzato l’evento, iniziato nel pomeriggio con i Gazebo dei Popoli – Madagascar, Marocco, Messico, Romania, Senegal –, con curiosità e artigianato dal mondo e lo stand informativo su profughi e immigrati.
Ad aprire le danze sono state alle 18 le percussioni dei bambini del
gruppo multiculturale italo-senegalese diretto da Mouhamadou N-
diaye (Baba).esta
Dopo aver gustato la cucina marocchina e senegalese è quindi iniziata la serata, con la partecipazione di Albania, Brasile, Cuba, Ecuador, Egitto, Marocco, Nigeria, Perù, Romania, Senegal e Tunisia. Giovedì 23 giugno si era già svolto l’incontro «Rifugiati, più di 60 milioni nel mondo. Un esodo epocale di disperati che lambisce le nostre coste».
Coordinati dalla giornalista di Repubblica Donatella Alfonso sono intervenuti il vescovo Antonio Suetta, il giornalista di Avvenire
Paolo Lambruschi, l’avvocato Alessandra Ballerini, esperta in diritti umani e delle migrazioni