Videoteca Diocesana

Piccola Biblioteca Teologica

Lettera Pastorale 2020

Novità in libreria

Indicazioni per le Celebrazioni

Riservato al Clero

Almanacco

Annuario 2019

Annuario 2019

Vademecum Amministrativo 2020

Vademecum Amministrativo 2020

Bilancio Diocesano 2019

Rendicontazione 8×1000 anno 2019

Rendicontazione 8×1000 anno 2019

La messa per don Giussani

Una fede che diventa carne …

Venerdì 21 febbraio, Bussana Santuario del Sacro Cuore di Gesù, S.E. Mons. Antonio Suetta celebra la santa messa in suffragio di mons Luigi Giussani, a 15 anni dalla morte e a 38 dal riconoscimento pontificio della Fraternità di C.L. Il parroco, don Alfredo Moscatelli, legge l’intenzione di preghiera per le messe celebrate in tutto il mondo: «Affinché, fedeli al carisma di don Giussani nell’appartenenza alla vita della Santa Chiesa, possiamo assecondare l’invito di papa Francesco a “seguire Gesù, ascoltare ogni giorno la sua chiamata” che ci raggiunge attraverso i Suoi testimoni. Offrendo la nostra esistenza per il Papa e i nostri fratelli uomini, domandiamo allo Spirito che l’incontro con Cristo diventi sempre più l’orizzonte totale della nostra vita e la forma vera di ogni rapporto».

La liturgia, i canti, il luogo, gli amici, tutto questa sera richiama ad una fede vissuta, dono del carisma nato dal Giuss, come siamo soliti chiamarlo.  La memoria non può che portare all’origine.

Un’avventura nata qui, nelle nostra diocesi, nel 1975 su iniziativa dell’allora parroco della chiesa di sant’Agostino, mons. Giuseppe Boero, docente di religione al liceo A. Aprosio di Ventimiglia. Egli fece incontrare  un gruppo di suoi alunni  con il prof. Lenoci, docente alla Cattolica di Milano e originario di Ventimiglia, e alcuni studenti universitari appartenenti a CL. 

Lo stesso don Giussani  il 22 novembre del 1976 fece visita a Ventimiglia: fu un incontro con  i ragazzi, i loro compagni di scuola, insegnanti e genitori in due momenti pubblici  nella sala dell’allora hotel  Splendid.

E’ una lunga storia fatta di volti e di fatti, come ci ha ricordato il nostro Vescovo nell’omelia: “L’opera più  grande di Dio nella nostra vita è  il compimento della felicità.  Quando don Giussani ha cominciato nel suo liceo ad aggregare giovani, che si facevano attenti al suo insegnamento, cercava di testimoniare  che se la fede non incide nella vita, se non la cambia, se non la compie, se non la conduce al suo destino, allora è  una delle tante cose inutili di cui possiamo fare a meno. La vera testimonianza della fede risuona come felicità,  come gioia profonda della nostra vita, una luce, uno sguardo, una capacità di condivisione che va oltre quei momenti che noi giudicheranno assurdi e vuoti trasformandoli in atto di amore e messaggio di salvezza.”

La santa messa si conclude con parole di ringraziamento e commozione: don Alfredo è grato per l’amicizia cresciuta in questi anni, mons. Suetta saluta i presenti ricordando come le parole del canto iniziale, Io ti offro, abbiano segnato anche  alcuni passi della sua strada. 

Tante esperienze, ma un unico incontro che trasforma la vita.

Precedente

Ascolta l’Omelia del Vescovo Antonio per “Le Ceneri 2020”

Successivo

Rinviato il viaggio ad Avignone

Prossimi appuntamenti
diocesani in programma

Accesso agli Uffici della Curia

Si ricorda che per accedere agli Uffici della Curia Diocesana è necessario prendere un appuntamento con il Personale degli stessi e presentarsi muniti di mascherina sanitaria di protezione. Eventuali ritardi o imprevisti vanno segnalati subito.

Lectio Divina – Il Decalogo – 1

Lectio Divina

PerCorso 2020 – 2021

Scuola di Politica

“U Buletin” del giorno

Assistenza