Parrocchie

Notizie da San Siro

In qualunque situazione di emergenza si moltiplicano le disuguaglianze sociali. Non è da meno questa crisi che stiamo vivendo. Ci sono persone che già in situazione di “normalità” vivono fragilità, disagio, emarginazione e ora sono doppiamente colpite. Davanti a queste disuguaglianze ci sentiamo interpellati come famiglia umana. Per ciascuno di noi, credente o non credente, questo è un tempo propizio per comprendere il valore della fratellanza, dell’essere legati l’uno all’altro in un modo indissolubile; un tempo nel quale, nell’orizzonte della fede, il valore della solidarietà ci aiuta a vedere con occhi e cuori nuovi l’altro.

E’ vero che siamo nel tempo dell’isolamento e della distanza sociale, ma si può rispondere facendo crescere la vicinanza relazionale, la formazione a distanza, la premura, il calore e i gesti concreti di aiuto. Con questo spirito e con il desiderio di non estraniarsi dal mondo esterno, oltre alle attività formative che proseguono in videochiamata, si è cercato di creare dei ponti a cominciare dai più deboli. L’Azione Cattolica della parrocchia di San Siro, in collaborazione con la Caritas, ha promosso una raccolta fondi da destinare alla stessa Caritas di Sanremo con la specifica destinazione alle persone, appunto, doppiamente colpite dall’emergenza: i senza fissa dimora, i richiedenti asilo, le donne vittime di violenza con i loro figli, le persone con problemi di disagio psichico, i carcerati, le famiglie povere.

Sono state date le seguenti possibilità: eseguire un bonifico intestato a: Azione Cattolica Parrocchia San Siro – Codice IBAN:
IT37R0503422700000000000974
(causale = Erogazione liberale emergenza COVID19 a favore Caritas Sanremo – nome cognome e codice fiscale)* oppure usare PayPal al link diretto http://paypal.me/ACSanSiro (causale = Erogazione liberale emergenza COVID19 a favore Caritas Sanremo – nome cognome e codice fiscale)*

La raccolta termina domenica 5 aprile. Verrà poi fatto un unico bonifico con il totale raccolto alla Caritas di Sanremo che con il ricavato potenzierà i servizi verso queste persone fragili.

Accanto alla donazione è stata promossa anche una collaborazione più fattiva come volontari attraverso il Centro Ascolto Caritas Sanremo, da contattare al numero 0184.541111, dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

  • spetta detrazione sul reddito; contattare i responsabili all’indirizzo email azionecattolicasansiro@gmail.com se si desidera ricevuta.

Un video semplice in cui ragazzi, giovani, adulti e famiglie intere “ci mettono la faccia” per convincere e convincersi di quanto sia importante restare a casa e agire con responsabilità in questo momento particolare! E’ quanto ha realizzato l’Azione Cattolica della Parrocchia di San Siro nei giorni scorsi diffondendo nei vari gruppi, in parrocchia e sui social il video #iorestoacasa che ben presto ha avuto una notevole diffusione (solo su YouTube ha raggiunto le 900 visualizzazioni). Nell’emergenza coronavirus realizziamo quanto sia inutile pensare ai “se” e ai “ma”. Dobbiamo pensare al “qui ed ora”. Il tempo che abbiamo a disposizione è questo oggi complicato, ma pieno di possibilità e di risorse, se siamo capaci di “restare” senza farci prendere dalla paura.

Allo stesso tempo dobbiamo convincerci di quanto sia importante rispettare le disposizioni e non uscire di casa. Anche per noi credenti, considerando che ai nostri giorni c’è la possibilità di vivere la preghiera da casa, celebrare l’Eucarestia seguendola in televisione, fare la comunione spirituale.

Ma non solo questo. L’Associazione parrocchiale di San Siro, insieme a tante altre nella nostra diocesi, oltre al video 2.0 ha continuato a portare avanti le attività, con creatività e dedizione utilizzando le videochiamate e i meeting on line. La vita associativa, di formazione e di preghiera infatti prosegue per i ragazzi, i giovani e gli adulti scoprendo una comunione feconda e confortante, condividendo letture, spunti di riflessioni, preghiere e riflessioni culturali, vere e proprie attività. E’ importante in questa fase difficile, non solo offrire un contributo al bene comune con responsabilità, ma tenere vivo ciò che dà forma all’AC ovvero la qualità della nostre relazioni umane.

Giulio Mascarello