Lettera Pastorale 2020

Novità in libreria

Indicazioni per le Celebrazioni

Riservato al Clero

Almanacco

Annuario 2019

Annuario 2019

Vademecum Amministrativo 2020

Vademecum Amministrativo 2020

Bilancio Diocesano 2019

Rendicontazione 8×1000 anno 2019

Rendicontazione 8×1000 anno 2019

Riva Ligure per San Gabriele dell’Addolorata

La comunità parrocchiale di San Maurizio di Riva Ligure, in occasione dell’anniversario della proclamazione a santo di Gabriele dell’Addolorata, da parte di papa Benedetto XV in data 13 maggio 1920, è lieta di inviare tutti i fedeli della diocesi il giorno di domenica 13 settembre alle ore 11, presso la chiesa parrocchiale per la benedizione della statua che successivamente verrà collocata definitivamente nella cappella dove già si trova quella del nostro santo patrono san Maurizio martire.


San Gabriele – al secolo Francesco Possenti – nasce ad Assisi il 1 marzo 1838 da Sante Possenti e Agnese Frisciotti; era noto per la sua personalità affettuosa ed estroversa. Rischiò una volta la vita in un incidente di caccia. Nel corso di una malattia, ancora ragazzino, promise di diventare religioso se fosse guarito. Guarì due volte, ma egli procrastinò questo impegno. Durante la processione dell’icona del duomo di Spoleto, il 22 agosto 1856, Francesco sentì una voce interiore (locuzione mariana) che lo invitava a lasciare la vita borghese per farsi religioso passionista. Nonostante le forti difficoltà presentategli dal padre, fu in grado di vincere tutti i suoi argomenti e di persuaderlo della natura genuina della sua vocazione religiosa. Riceve la cresima il 1 giugno 1846 e dopo il noviziato con la professione dei voti religiosi, assume il nome di Gabriele dell’Addolorata il 22 settembre 1857. Inizia gli studi presso l’isola Gran Sasso, nella congregazione dei missionari passionisti, dove arriva il 10 luglio1859; dopo due anni nell’estate del 1861 si ammala di tubercolosi; il 27 febbraio alle ore 6,30 del 1862 muore confortato dalla presenza della Madonna.

Attualmente le spoglie sono sepolte nella cripta della basilica che porta il suo nome presso l’isola di Gran Sasso in Teramo. Nel 1926 viene proclamato dalla chiesa “compatrono della gioventù cattolica italiana”, oltre ad essere patrono d’Abruzzo, pertanto sono i ragazzi che in modo particolare sono invitati dalla parrocchia a questa celebrazione per un santo giovane.
La statua è stata acquistata grazie alle donazioni e offerte dei fedeli della comunità, alla quale va il ringraziamento da parte del parroco.

Nell’occasione della celebrazione, saranno disponibili alcuni libretti nei quali è illustrata la biografia del Santo unitamente alcune immagini. La funzione rispettarà i protocolli in vigore circa le norme di distanziamento sociale.

Precedente

Caritas – Libano, un mese dopo

Successivo

Inizia la Festa della Madonna dei Fiori

Prossimi appuntamenti
diocesani in programma

Accesso agli Uffici della Curia

Si ricorda che per accedere agli Uffici della Curia Diocesana è necessario prendere un appuntamento con il Personale degli stessi e presentarsi muniti di mascherina sanitaria di protezione. Eventuali ritardi o imprevisti vanno segnalati subito.

Ad Ottobre da Padre Pio

“U Buletin” del giorno

Assistenza