Pellegrinaggi

Giubileo al Redentore

Domenica scorsa alle ore 11 il vescovo Antonio Suetta ha presieduto la Messa che la prima domenica di agosto di ogni anno viene celebrata sul monte Saccarello, ai piedi della statua del Sacro Cuore e nell’Anno Santo della Misericordia quest’evento ha un significato particolare.

È dal 5 agosto del 1902 che la statua del Redentore si trova là, su quel monte, nella sua collocazione defi- nitiva. Non fu certamente facile, agli inizi del secolo scorso, issare sul basamento due tronconi di ghisa del peso di quaranta quintali.

Fu di papa Leone XIII l’idea di erigere una statua sul monte più alto di ogni regione italiana e fu così che l’allora arcivescovo di Genova il beato monsignor Tommaso Reggio decise di erigere la statua bronzea del Cristo Redentore sulla sommità dell’anticima orientale del monte Saccarello, a quota 2164 metri s.l.m. Fu poi il confessore dell’arcivescovo, il canonico triorese Giuseppe Giauni, a seguirne da vicino i lavori.

La statua è alta 5,60 metri, mentre il piedistallo ha una base di 25 metri quadrati e un’altezza di 8,40 metri. Sono molti gli aneddoti e i ricordi che si potrebbero raccontare sulla statua del Redentore. Dalla multa che nel 1901 la Pretura di Tenda comminò ai militari e ai taglialegna che tagliarano due larici per fare le assi per issare il Sacro Cuore, al viaggio in nave da Parigi, dove la statua venne fusa, sino ad Oneglia e poi ad Ormea in treno ed ancora al Saccarello su un carro trainato dai buoi, alla mano spezzata da un fulmine e poi «miracolosamente» ritrovata a Santo Stefano Belbo e riattaccata da don Angelo Nanni, l’allora parroco di Dolceacqua.

Da tanti anni ormai, ci si ritrova su quelle montagne per celebrare una Messa a ricordo di chi, a vario titolo, ha collaborato alla realizzazione dell’opera. L’appuntamento è stato ideato nel 1975 da un gruppo di abitanti del- la frazione triorese di Goina e da An- tonio Astini di Creppo.

Sabato mattina alle 5 un gruppo di persone è partito a piedi da Sanremo, ha raggiunto Verdeggia – dove ha pernottato – e domenica alle 6 ha proseguito la camminata per il Saccarello.

La celebrazione sarà accompagnata dal Coro diocesano diretto dal Mae- stro Davide Tepasso. L’Associazione «Festa del Redentore Monte Saccarello» ha organizzato l’evento con il patrocinio del Co- mune di Triora e della Provincia di Imperia.

Luca Mauro

Sanremo, 9 agosto 2016