Catechesi

Il ritiro per i ragazzi del catechismo

Tre i vicariati che hanno aderito ad una giornata di ritiro per i ragazzi del catechismo: Bordighera, Vallecrosia e Val Nervia, Sanremo e Levante e Valle Argentina. Il vicariato di Ventimiglia ha posticipato l’iniziativa nei prossimi giorni. Due gli uffici diocesani coinvolti: catechesi carità. Sorprendenti i numeri dell’evento: 291 ragazzi, 49 catechisti e 23 sacerdoti, presenti per la celebrazione del sacramento della Riconciliazione. La giornata è incominciata nonostante il maltempo alle 9 con l’arrivo e l’accoglienza nei luoghi dove si vive la misericordia. A «Casa Rachele», nel salone dove gli ospiti abitualmente trascorrono ore di sollievo, erano stipati 162 bambini, che hanno pregato, cantato e giocato. A «Casa Papa Francesco» erano 80 i ragazzi che si sono incontrati per riflettere sulla parola chiave della mattinata, «Misericordia». La prima parte della mattinata è stata dedicata alla riflessione, attraverso l’ascolto della testimonianza di un giovane carcerato che in prigione ha scoperto la fede e ha chiesto il battesimo, prendendo il nome di Agostino, ispirandosi al santo che aveva attribuito alle lacrime della madre Monica la sua conversione. Dopo un momento di gioco ci si è preparati insieme alla celebrazione individuale della confessione, approfondendo e pregando sulla parabola del Vangelo del Padre buono e del figliol prodigo. Dopo la celebrazione della Penitenza ogni ragazzo ha ricevuto un’immaginetta su cui erano elencate le opere di misericordia spirituale e corporale, con l’invito a sceglierne una da vivere dopo aver chiesto consiglio o alla catechista o ai genitori. Il pranzo al sacco e i giochi a squadre hanno concluso questa bella esperienza di Chiesa. Certo, è stato faticoso preparare l’iniziativa, ma è come se anche i piccoli avessero vissuto l’esperienza delle «24 ore per il Signore» secondo attività che loro svolgono nella loro vita di bambino di ogni giorno. La buona risposta all’iniziativa è sicuramente uno stimolo all’ufficio catechistico per continuare a lavorare in questo senso.