Lettera Pastorale 2020

Videoteca Diocesana

Piccola Biblioteca Teologica

Novità in libreria

Indicazioni per le Celebrazioni

Riservato al Clero

Almanacco

Annuario 2019

Annuario 2019

Vademecum Amministrativo 2020

Vademecum Amministrativo 2020

Bilancio Diocesano 2019

Rendicontazione 8×1000 anno 2019

Rendicontazione 8×1000 anno 2019

Suor Laura ci racconta il videocatechismo

In questo nostro tempo segnato dal disagio di un virus che vorrebbe fermare il nostro cammino, l’Ufficio Catechistico Diocesano, propone a tutte le famiglie, ai bimbi e ai ragazzi, un pellegrinaggio virtuale, restando in casa, abitando con la preghiera le nostre piccole chiese domestiche, attraverso cinque tappe: cinque santuari mariani della nostra Diocesi. Seguiremo Maria, lei sempre in cammino, da un punto all’altro della Palestina: a Nazaret, a Ain Karen verso i monti di Giuda per trovare la cugina Elisabetta, a Betlemme per il censimento e la nascita del Messia, poi a Cana al ricevimento di nozze con Gesù e gli apostoli e poi ancora a Gerusalemme nell’attesa della discesa dello Spirito Santo. Un lungo pellegrinaggio la vita di Maria, sempre in cammino e per giunta in salita, un pellegrinare che è simbolo di tutta la fatica di un esigente itinerario spirituale. 

Il nostro pellegrinaggio ha avuto inizio il primo maggio e ci ha chiesto di portare nel nostro zaino il Vangelo per ascoltare e ambientare episodi vissuti nel tempo. 

Per ogni settimana è stata prevista una tappa: la visita a un Santuario e di quel luogo di grazie ne sarà illustrata la storia e la devozione che li ha resi tanto amati dal cuore del nostro popolo di Dio. Soprattutto, ci verrà suggerito un atteggiamento che Maria ha vissuto in pienezza e che, impegnandoci a viverlo, ci permetterà di somigliare a lei nel camminare con Gesù. Ogni sera, a conclusione della giornata, alle ore 21.00 ci troveremo in comunione con il nostro Vescovo e la nostra Diocesi a pregare il Santo rosario secondo le indicazioni proposte. 

La prima sosta l’abbiamo fatta al santuario della Madonna Miracolosa in Taggia, il Vicario generale don Antonio Arnaldi ci ha introdotto nel percorso ricordandoci che questo santuario inizialmente era intestato ai Santi Giacomo e Filippo, ma tutto cambia la storia quando l’11 marzo 1855 la Madonna mosse gli occhi e guardò la sua gente con uno sguardo pieno di amore verso questa comunità: “la Madonna miracolosa di Taggia non ha parlato ma ha guardato. Gli sguardi, alle volte, sono più importanti della parola perché gli occhi che incontrano altri occhi dicono molto: lo sguardo di Maria ci dice di camminare con lei, perché possiamo andare incontro a Cristo Signore suo Figlio. Vogliamo ricordare in questo luogo l’annunciazione dell’angelo a Maria. Il bello di questo brano è che ci fa sentire accolti dal Signore attraverso il nome, poiché, scrive S. Luca, l’angelo chiamò Maria per nome. Gesù ci chiama per nome e ci invita ad essere accoglienti sempre, nella nostra famiglia e con chi ci vive accanto”. 

Questa settimana siamo arrivati a Riva Ligure al Santuario che è stato edificato oltre mille anni fa lungo la Via Julia Augusta ed è una delle chiese più antiche della nostra Diocesi. Qui troviamo la catechista Elida Spadoni che ci ricorda che “dalla fine del 1700 circa, la chiesa è stata dedicata alla madonna del Buon Consiglio della quale ritroviamo due statue: una posizionata sopra l’altare laterale di sinistra che regge Gesù Bambino sul suo braccio sinistro. Riprendendo il filo del nostro pellegrinaggio ci soffermiamo sulla Visitazione di Maria a Santa Elisabetta, l’evangelista Luca ci dice che Maria, dopo l’annuncio dell’angelo, si mise in viaggio in fretta, verso la città di Giuda. Cosa ha spinto Maria ad affrontare un viaggio difficile e disagevole? La sua piena disponibilità verso chi ha bisogno di aiuto, Maria ci insegna che tocca a noi andare per primi ed essere disponibili con cuore sincero”. 

La terza pausa la faremo a Sanremo al Santuario della Madonna della costa e don Giuseppe Puglisi, ci mostrerà il Santuario e ci presenterà Maria che dona al mondo la gioia: Gesù.

Il quarto momento sarà vissuto a Vallecrosia, al Santuario di Maria Ausiliatrice, ricorderemo le nozze di Cana e sarà proprio una figlia di Maria Ausiliatrice che racconterà la devozione mariana nel carisma salesiano.

L’ultima tappa ci porterà a Ventimiglia, alla Cattedrale di S. Maria Assunta con il nostro Vescovo Antonio che ci aiuterà ad attendere, con Maria, la Pentecoste.

Chiediamo a Maria, Madonna del cammino, di prenderci per mano e farci scorgere la presenza di Dio negli avvenimenti del tempo. Maria, diriga i nostri passi verso questi santuari, per scorgere le orme dell’eterno, ci restituisca, sapori di ricerca interiore a noi, turisti a volte senza meta, così da consolare i nostri dolori e le nostre incertezze fino a quando con Lei vivremo l’effusione dello Spirito Santo.  

Suor Laura Anastasia

Precedente

Nove giorni con Maria alla Costa

Successivo

Indicazioni per le Celebrazioni

Prossimi appuntamenti
diocesani in programma

Accesso agli Uffici della Curia

Si ricorda che per accedere agli Uffici della Curia Diocesana è necessario prendere un appuntamento con il Personale degli stessi e presentarsi muniti di mascherina sanitaria di protezione. Eventuali ritardi o imprevisti vanno segnalati subito.

Cartonicini Nuovo Messale

Lectio Divina

“U Buletin” del giorno

PerCorso 2020 – 2021

Scuola di Politica

Per Assistenza

Sul sito e sui social media diocesani scrivi a supporto@diocesiventimiglia.it